Anto' fa caldo! Dove trovare refrigerio nella Tuscia


Chi mi conosce sa che io sono un tipo "invernale", che non ama il caldo. Però le stagioni girano e l'estate c'è, ora è qui, e brucia, con temperature spesso sopra i 30°. Tutti al mare? Perché no, è una soluzione, se potete e se vi piace. Ma il prode esploratore della Tuscia che può fare: deve per forza attendere che torni il fresco? Beh, no: la Tuscia possiede alcuni dei torrenti più puliti e ricchi di vita dell'Italia centrale, un miracolo, soprattutto considerando che non è un territorio di montagna. I fiumi prinicipali (Mignone, Fiora, Marta) hanno magari qualche problema in più, ma i loro affluenti offrono eccellenti possibilità di refrigerio per chi vuole, nonostante il caldo, farsi una bella escursione. Seguire le rive dell'Olpeta, del Biedano, del Lente, della Nova e magari entrare in acqua all'occorrenza, permette di vedere le forre da una visuale assai diversa di quella "solita" dei sentieri battuti, e anche di scoprire piante e animali che normalmente non si vedono. I punti di accesso più facili e proficui sono Barbarano e Blera per il Biedano, Castro per l'Olpeta, Sorano per il Lente (via cava San Rocco).


Poi, naturalmente, ci sono i laghi, quello di Bracciano, quello di Vico, il minuscolo lago di Mezzano e poi lui, il lago di Bolsena, che offre eccellenti possibilità per brevi passeggiate "a mollo", ad esempio tra Marta e Capodimonte o sotto Bisenzio, lontano cioè dai siti più "balneari" (che comunque nel lago non raggiungono mai il parossismo della costa).


Beh, insomma, questo è il mio suggerimento. Naturalmente, non esistono sentieri veri e propri: la guida è costituita dal corso d'acqua stesso. Inutile dunque raccomandare prudenza (i sassi sono molto scivolosi), evitando di andare con sandali o scarpe da mare: l'ideale sono vecchi scarponcini da montagna, con cui entrare in acqua, che proteggono adeguatamente anche le caviglie. Inoltre, dovete avere il massimo rispetto dell'ambiente, evitando di sconvolgere habitat preziosi con comportamenti vandalici e rumorosi. Ma questo è ovvio, com'è ovvia la raccomandazione di non lasciare in giro rifiuti. E allora, buona estate!




Commenti