Calcata

Al confine con la provincia di Roma e all'interno del Parco della Valle del Treia, Calcata è senza meno una delle mete più note e spettacolari della Tuscia. Con la neve tardiva e inaspettata di questo strano inverno, poi...


Nonostante non sia più quel centro abitato "alternativo" e popolato di "fricchettoni" e artisti un po' fuori di testa, Calcata conserva ad ogni modo un'atmosfera sospesa e naif che affascina principalmente fuori stagione, quando i suoi vicoli non sono invasi dai turisti vocianti e  fuori contesto che oramai sono una presenza fissa dalla primavera all'autunno, specialmente nei fine settimana.


Oltre che per la bellezza e singolarità del borgo, Calacata è giustamente nota per  i dintorni, per le forre dove spumeggiano limpidi torrenti e dove si incontrano le testimonianze di antiche frequentazioni, specialmente falische, come a Narce. Sulla collina dirimpetto al paese, si trova l'insediamento "gemello" di Santa Maria di Castelvecchio, che ha avuto però molta meno fortuna: abbandonato già durante il Medioevo, è oggi ridotto ad un gruppo di interessanti ruderi sommersi dalla vegetazione, a 15 minuti di cammino (sul sentiero 009 del parco) dalla piazzetta di Calcata...

Commenti