San Selmo a Civita Castellana

La Tuscia è molto ricca di insediamenti monastici rupestri, che il più delle volte riutilizzavano precedenti necropoli scavate nel tufo. E' il caso del notevole monastero di San Selmo (cioé Anselmo) a Civita Castellana, ricavato da una grotta, forse in parte naturale, e da alcune tombe falische (siamo infatti in pieno Agro Falisco: i Falisci erano alleati degli Etruschi, ma di stirpe latina).


Purtroppo diversi crolli hanno pesantemente alterato lo stato dei luoghi, e reso difficoltoso l'accesso; nonostante questo i soliti vandali sono comunque riusciti a "visitare" il monumento, distruggendo con scritte o  asportando i (peraltro pochi) affreschi che erano ancora presenti  nell'ambiente principale del sito, che rimane comunque ancora molto interessante...


Commenti