Corviano

Il sito di Corviano, a Soriano al Cimino (ma in realtà prossimo al territorio di Bomarzo) è tra i più suggestivi della Tuscia. Si tratta di un promontorio vlcanico, coperto da fitta macchia e circondato da torrenti, su cui si sono succeduti tre millenni e passa di civiltà. Oggi, i resti più facilmente identificabili sono quelli dell'antico castello e delle strutture pertinenti, come una chiesetta extra moenia.



La caratteristica più singolare di questo sito, però, sono le case rupestri scavate probabilmente nell'età del Bronzo, riutilizzate in epoca etrusca, occupate in epoca romana, sfruttate nel periodo medievale e ancora in uso, parzialmente, sin quasi al secolo scorso! Alcune delle case-grotta sono molto ampie, e si aprono proprio sul bordo del pianoro, con affacci vertiginosi verso valle. Come il vicino monte Casoli di Bomarzo, la relativa durezza della roccia vulcanica  ha consentito una conservazione dei manufatti quasi perfetta.


Dove c'è un castello e un centro abitato, non può mancare un mulino. Corviano non fa eccezione alla regola. Ne restano importanti tracce vicino una bella cascata...

Commenti